Oggi è il:27 September, 2022
content creator e influencer

Qual è la differenza tra un content creator e un influencer?

Immaginiamo di avere due YouTuber, entrambi hanno 1 milione di follower. Entrambi hanno milioni e milioni di visualizzazioni. Ma uno è un content creator e l’altro è un influencer. Qual è la differenza? 

Non molte persone capiscono la differenza tra content creator e influencer e pensano solo che qualsiasi persona con una tanti fan su YouTube o Instagram o Twitter li rende celebrità e far guadagnare migliaia di euro. Questo non è necessariamente il vero. Ecco tutto ciò che volevi sapere sui creatori di contenuti e sugli influencer.

Cos’è un influencer?

Potresti pensare che tutti coloro che hanno milioni di follower siano automaticamente degli influencer . Ma non lo sono.

In generale, un influencer è qualcuno che influenza in qualche modo i propri follower . È il guru della bellezza che posa con un nuovo rossetto (sponsorizzato, ovviamente). O il maniaco del fitness che promuove spudoratamente la sua nuova attrezzatura da palestra.

Gli influencer influenzano. Essi convincono qualcuno a seguire un marchio, acquistare un prodotto o prendere una sorta di decisione di acquisto. Gli influencer influenzano a causa della loro notorietà.

Un influencer è qualcuno che ha:

  • Il potere di influenzare le decisioni di acquisto di altri a causa della sua autorità, conoscenza, posizione o relazione con il suo pubblico.
  • Un seguito in una nicchia distinta, con cui si impegna attivamente. La dimensione di quanto segue dipende dalla dimensione del suo argomento della nicchia.

Allora, cos’è un content creator?

Un content creator, d’altra parte, è qualcuno che crea contenuti per proprietà digitali, come YouTube o Instagram. I creatori considerano la creazione di contenuti come la loro carriera. Il loro lavoro è creare contenuti, non influenzare… Vedi la differenza?

Ecco un’altra definizione :

“Un creatore è qualcuno che è responsabile del contributo delle informazioni a qualsiasi media e soprattutto ai media digitali. Di solito si rivolgono a un utente finale/a un pubblico specifico in contesti specifici”.

Certo, i creatori possono ancora influenzare le persone e gli influencer continuano a creare contenuti. Tuttavia, la differenza sta nell’intenzione . Il lavoro di un influencer è quello di influenzare; un creatore crea.

“Un influencer potrebbe essere l’adolescente che esplode su Instagram per tutorial di trucco virale e inizia a vendere prodotti di bellezza tramite post sponsorizzati. O la mamma casalinga diventata vlogger di moda che usa il suo seguito su YouTube, Instagram e Pinterest per vendere la sua linea di abbigliamento personalizzato”.

Un creatore è diverso. È lo specialista con anni di esperienza che carica video su un argomento di nicchia. Può essere la persona che recensisce i propri prodotti preferiti. È qualcuno che racconta storie.

Perché tutto questo è importante?

Lavorare con un creatore e lavorare con un influencer produrrà risultati di marketing molto diversi. Gli influencer influenzeranno il modo in cui i loro follower si vestono, quale trucco dovrebbero indossare o quali prodotti acquistare. I creatori, d’altra parte, creano contenuti che coinvolgono le persone: guide pratiche, un giorno nella vita, suggerimenti, tutorial, ecc.

I creatori possono essere efficaci quanto gli influencer. Gli esperti di marketing collaborano con i creatori per sponsorizzare e monetizzare i video e spostare i potenziali clienti attraverso i loro canali.

Un esempio? 

Un Content Creator è Adrian Fartade un divulgatore scientifico che parla di Universo, fisica e storia dello spazio.

Un Influencer è Andrea Galeazzi, parla di tecnologia a 360° consiglia quali sono i migliori oggetti tecnologici del momento.

Qual è il problema con gli influencer?

La maggior parte delle agenzie di marketing imposta la propria comunicazione solo ed esclusivamente sugli influencer, lavorando su contenuti personalizzati rivolti ai loro follower. Il problema è che i millennial stanno diventando sempre più diffidenti nei confronti degli influencer: il 52% di loro non si fida affatto degli influencer. C’è una percezione sempre crescente che alcuni influencer bramano solo i soldi che derivano dall’avere un seguito considerevole sui social media e non usano nemmeno i prodotti che approvano.

Ci sono anche questioni legali. Solo l’11% degli influencer è effettivamente pienamente conforme alle linee guida pubblicitarie. Sembra, quindi, che i contenuti degli influencer siano molto falsati.

Su YouTube solo il 35% degli utenti guarda gli annunci pre-roll: li salta per guardare il contenuto effettivo dei creatori digitali. Ciò significa che quasi un utente su tre non assisterà a una pubblicità sulla piattaforma.

Questo non vuol dire che l’influencer marketing sia morto. Tutto il contrario, il settore dell’influencer marketing crescerà fino a circa 7 miliardi di euro quest’anno, con oltre 380 nuove agenzie incentrate sull’influencer marketing.

Le attività devono essere più naturali e meno forzate, perché quando un influencer si vende ad un brand a volete è molto palese e i consumatori non sono stupidi. In questi casi ci rimette sia il brand che l’influencer.

In fine

L’influencer marketing si rivela ancora redditizio per molti brand che vogliono aumentare la loro presenza e promuovere prodotti e servizi, ma i creatori possono essere altrettanto efficaci quando si tratta di marketing. L’utilizzo di una combinazione di entrambi può essere ottimo per una canalizzazione di marketing diversificata. In questo gioco c’è spazio per tutti.