Oggi è il: 3 December, 2022
Generazione Z

La straordinaria Generazione Z: quello che c’è da sapere

I Millennials sono i primi nativi digitali del mondo e ora che stanno entrando in massa nell’età adulta, la loro influenza sulla società sta crescendo. Guardando al prossimo decennio, sembra che i Millennial non siano gli unici a dover crescere.

Molti giovani di oggi sembrano non aver compreso le implicazioni del vivere in un’epoca tecnologica in cui tutto è interconnesso e accessibile con la semplice pressione di un tasto. Negli ultimi anni si è parlato molto della generazione Z – i nati tra il 1997 e il 2001 – che stanno diventando maggiorenni in un mondo molto diverso da quello dei loro genitori.

Si prevede che questa nuova generazione si staccherà da molti degli stereotipi negativi associati ai Millennial. Sono più seri rispetto alle loro controparti più giovani, meno narcisisti e più consapevoli dal punto di vista politico rispetto a qualsiasi altra generazione precedente. Questo articolo esplora alcune delle caratteristiche che definiscono la Generazione Z e come si differenziano dai Millennial.

Fondamenti della Generazione Z

Non esiste una definizione fissa per l’inizio e la fine di ogni generazione, ma le date più comunemente accettate per l’inizio della Generazione Z sono tra il 1997 e il 2001. Questo è l’anno in cui sarebbero nati i primi membri della Generazione Z. Si tratta di una data significativamente successiva a quella di inizio dei Millennial, nati tra il 1980 e il 1996.

La prossima generazione sarà probabilmente l’ultima ad avere un’infanzia non toccata dalla tecnologia. Di conseguenza, ci si aspetta che siano più indipendenti e individualisti dei loro predecessori. Si prevede che la Generazione Z sia composta da circa 70 milioni di persone. Si tratta di un numero significativamente inferiore rispetto agli 80 milioni di persone che compongono la popolazione dei Millennial. La riduzione della popolazione è dovuta in gran parte all’aumento dei tassi medi di natalità dopo la recessione economica del 2008.

Una generazione di imprenditori

Si è parlato molto dello spirito imprenditoriale dei Millennial, che sono stati descritti come “Generazione Vendi”. Tuttavia, la generazione cresciuta all’ombra della Grande Recessione è più interessata a costruire imprese durature che a picchi borsistici a breve termine.

Si prevede che la Generazione Z sia una generazione che non ha paura di sfidare lo status quo e che avvierà un’attività in proprio. Un’indagine condotta dal Prince’s Trust e dal Cambridge Institute ha rilevato che un giovane su cinque che spera di avviare un’impresa nei prossimi cinque anni afferma che lo farà perché non riesce a trovare un lavoro.

Lo stesso sondaggio ha anche rilevato che quasi la metà di coloro che intendono avviare un’attività non si aspetta di essere assunta. Ciò suggerisce che si aspettano di essere lavoratori autonomi piuttosto che cercare un impiego che non esiste. L’imprenditorialità è da tempo parte della cultura britannica e si prevede che la Generazione Z continuerà questa tradizione.

Più seri dei Millennials

Uno dei modi più evidenti in cui la Generazione Z è diversa dai suoi predecessori è che ci si aspetta che sia più seria. Ciò si riflette in tutto, dai diversi gusti musicali a un atteggiamento meno narcisistico nei confronti degli altri. Mentre i Millennial sono stati spesso criticati per essersi presi troppo sul serio, dalla Generazione Z ci si aspetta un atteggiamento più equilibrato.

Questo è in parte il risultato dell’ambiente in cui sono cresciuti. La loro infanzia è stata segnata dall’11 settembre e dalle guerre in Afghanistan e Iraq. Sono cresciuti in un’epoca in cui il terrorismo era una realtà quotidiana, in cui il sistema finanziario globale era sull’orlo del collasso e in cui il cambiamento climatico era una minaccia molto reale.

La Generazione Z è cresciuta con un costante senso di pericolo imminente e con il desiderio di cambiare il mondo in meglio. Per certi versi, si tratta di un’estensione della cultura “io” dei Millennial: invece di concentrarsi sulla propria felicità, la Generazione Z si concentra sul rendere il mondo un posto migliore.

Dipendenza dalla tecnologia

Uno dei modi più significativi in cui la Generazione Z si differenzia dai Millennial è la dipendenza dalla tecnologia. Ciò è dovuto in parte al fatto che molti di loro non hanno mai conosciuto un mondo senza internet. Tuttavia, è anche dovuto al fatto che questa generazione è stata testimone dei danni che possono essere causati da dati non protetti e sistemi violati. Hanno assistito all’uso dei social network per diffondere disinformazione e ad attacchi informatici su larga scala che hanno bloccato parti di Internet.

Questo ha incoraggiato un approccio più cauto alla tecnologia tra i giovani. Sono meno propensi a fidarsi di sistemi non sicuri e sono più attenti all’uso dei social media. Ciò si riflette nel loro atteggiamento nei confronti del lavoro: molti lavoratori della Generazione Z ritengono che le attività di routine debbano essere automatizzate, ove possibile. Questo è in netto contrasto con l’approccio dei Millennial, più disinvolti e più propensi a privilegiare l’interazione faccia a faccia rispetto al progresso tecnologico.

Diffidenza verso le istituzioni attuali

I Millennial sono stati descritti come “la generazione più civica dagli anni ’60”. Questa apparente smania di coinvolgimento negli affari correnti si è riflessa nell’alta affluenza alle elezioni del 2016 e nella crescita dei forum e dei gruppi di discussione online. Tuttavia, quando i primi membri della Generazione Z sono diventati maggiorenni, il clima politico in molti Paesi occidentali è diventato sempre più polarizzato.

La crescita dei movimenti populisti e nazionalisti nel Regno Unito, in Francia e negli Stati Uniti ha creato un cuneo tra i partiti di sinistra e di destra e le ideologie dei rispettivi sostenitori. La generazione Z è nata in un clima in cui era difficile fidarsi di qualsiasi partito politico, soprattutto se non condivideva le proprie convinzioni.

Di conseguenza, molti di questa nuova generazione sono scettici nei confronti delle istituzioni attuali. Ciò si è riflesso nel crescente sentimento antigovernativo dei giovani, con molti che si sono rifiutati di votare, nonostante tutti i partiti politici avessero programmi pensati per attirarli.

Conclusione

Con la maggiore età, si prevede che la Generazione Z si distacchi da molti degli stereotipi associati ai Millennial. Sono più seri rispetto alle loro controparti più giovani, meno narcisisti e più attenti alla politica rispetto a qualsiasi generazione precedente.

Questa nuova generazione dovrebbe essere meno dipendente dai social media e più coscienziosa quando si tratta di sicurezza dei dati. Ci si aspetta anche che siano più attenti all’ambiente e che facciano sentire la loro voce sulle questioni che li riguardano. L’era in cui sono cresciuti i Millennial è quasi finita. La Generazione Z sta crescendo in un mondo in cui le persone sono iperconnesse. Si prevede che questo cambierà il modo in cui interagiscono con il mondo che li circonda.

Si prevede che questa nuova generazione sia più cauta rispetto ai suoi predecessori. Ciò è dovuto in parte al fatto che sono stati testimoni dei danni che possono essere causati da dati non sicuri e sistemi violati. Ma è anche un riflesso del loro desiderio di cambiare il mondo e renderlo un posto migliore.